Hello Barbie, la bambola più famosa diventa social

Pettinare le bambole? No, le bambine di oggi giocano sui social e la bambola per antonomasia deve adeguarsi. Per questo è nato Hello Barbie, la bambola di Mattel che si connette al web e dialoga con i più piccoli. In altre parole, Barbie si tiene al passo con i tempi e non ne vuole sapere di invecchiare. Le mamme, pur essendo state amiche intime della bambola durante la loro infanzia, sono perplesse per la privacy delle loro figlie. Il giocattolo ha cambiato look e ha deciso di puntare sulle ultime tecnologie per far fronte alla concorrenza che avanza. La strada intrapresa dalla Mattel è stata quella di puntare sul binomio gioco-web creando la prima dolly collegata alla rete wifi e capace di fare domande e rispondere a quelle dei piccoli fan. La versione social della bionda, ormai 55enne, si chiama Hello Barbie e integra microfono e altoparlante nella collana. Il look è molto più sobrio rispetto al passato: t-shirt bianca (con scritta Hello), jeans e fibbia su cui è presente il tasto di attivazione della conversazione.

Chi c’è dietro la Barbie hi-tech?

La Mattel, per realizzare il giocattolo, si è avvalsa della collaborazione della startup americana ToyTalk, che ha realizzato il sistema di riconoscimento vocale che è capace di apprendere citazioni e preferenze dei bambini per confezionare scambi di battute su diversi argomenti e fornire risposte adeguate alle domande. I dialoghi possono durare fino ad un massimo di un’ora circa grazie alle batterie e al micro computer, disposti nelle gambe della bambola. Il giocattolo sarà in commercio dalla fine del 2015, a partire dal mercato Usa, ad un prezzo di circa 80 dollari ma la cosa che, al momento, desta preoccupazione da parte dei genitori è il fatto che le conversazioni saranno registrate e archiviate nei server di ToyTalk. La società americana però ha rassicurato le mamme e i papà con la promessa di consentire la cancellazione dei dati e specificando che le inforazioni raccolte saranno utilizzate soltanto per migliorare le performance della bambola.

Potrebbero interessarti anche...

Commenta